Eveline Redgrave (1870 - 1960)

”Dora, mia carissima nipote, sono così in pena per te, la tua condotta non è ben vista agli occhi di nostro signore e io non so più come pregare per la salvezza della tua anima.
 

Dovresti rivalutare quest’idea del divorzio, sono sicura che tuo marito ti perdonerà se gli chiedi scusa come conviene.
Intanto perché mi vieni a trovarmi qui al st. Mary? È arrivata una nuova suora che non mi convince molto e alcuni ospiti sono morti in circostanza che trovo sospette... speriamo che questa guerra finisca presto, tesoro. Sono così in pena per te..."


Lettera di zia Eveline a Dora, 1945

  • Black Facebook Icon
  • Black Twitter Icon
  • Black Instagram Icon